Tagliamo gli sprechi della politica regionale

Pubblicato: giugno 6, 2010 in Politica Regionale

Nella seduta di martedì del Consiglio Regionale è stato inserito in fondo all’ordine del giorno l’esame della mozione presentata dal Consigliere del Partito Democratico Michele Petraroia per chiedere il contenimento dei costi della politica regionale.

 La mozione e tutte le battaglie portate avanti fin ora dai consiglieri regionali e dai partiti di centro sinistra chiedono una sola cosa: che prima di tagliare il trasporto pubblico locale, la scuola pubblica, il diritto allo studio, la sanità regionale e prima di aumentare le tasse ai cittadini molisani, si taglino gli innumerevoli sprechi della macchina politica regionale. 

Si sciolgano le 8 commissioni consiliari straordinarie, che finora si sono dimostrate inutili e che comportano un aumento di indennità per i consiglieri che ne fanno parte e richiedono ulteriore personale, si esamini la proposta di legge presentata dal centrosinistra per ridurre le indennità dei consiglieri, si riducano e si accorpino gli enti regionali, si chiudano le sedi inutili della regione, si limiti l’utilizzo delle auto-blu, si riducano drasticamente le spese di rappresentanza, le consulenze e gli innumerevoli sprechi, e si torni ad una giunta composta da assessori che sono anche consiglieri, invece degli 8 assessori esterni presenti ad oggi, con un ovvio aggravio per le spese della regione. 

Ci appelliamo ai cittadini molisani, affinché si informino e sostengano questa battaglia di sobrietà, per chiedere che non siano sempre e solo i cittadini ed i lavoratori a pagare i debiti creati da anni di gestioni scellerate e di sprechi.

Ci appelliamo al senso di responsabilità dei consiglieri regionali affinché la mozione possa essere discussa e – ci auguriamo – approvata nella seduta di martedì.

 In un momento di fortissima crisi economica, è inaccettabile che la nostra regione non investa nel sostegno alle imprese ed allo sviluppo del territorio e tagli servizi fondamentali per i cittadini.

E soprattutto non è ammissibile che mentre si fa questo, si vogliano usare i fondi FAS (destinati alla creazione di infrastrutture ed allo sviluppo della regione) e l’aumento delle tasse per ripianare un debito sanitario creato da anni di spese esagerate.

 In questa fase emerge chiaramente come non sia sostenibile che una regione piccola come la nostra spenda quote ingentissime (e sempre crescenti negli ultimi anni) delle sue risorse per tenere in piedi la macchina burocratica e politica, e non riesca invece ad investire nello sviluppo economico del territorio e nell’assistenza ai cittadini.

Il testo della mozione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...