Il nuovo numero di Pagina Democratica

Pubblicato: novembre 4, 2008 in Campobasso, Giovani

Qualche giorno fa abbiamo finito di stampare il nuovo numero di Pagina Democratica.

Chi ne voglia una copia, può mandarci una mail all’indirizzo che trova nella pagina ” Contatti”, per tutti gli altri ecco qui il pdf

giornale 

Annunci
commenti
  1. Filippo Di Giacomo ha detto:

    Ciao. Uso la maschera della mail del numero scorso per parlarvi dell’articolo di Giuseppe Reale sul vostro ultimo numero. Vabbé: sarà pure giovane e si farà; vabbé, non sa neanche come si chiamano gli autori che cita (esempio, la de Monticelli); vabbé, che le cose nuove si fanno con le cose vecchie, e dunque viva il taglia e copia delle citazioni, ma a pubblicare una somma di sciocchezze (se non sconcezze) tutte basate su cose e fatti e idee che la Chiesa non propugna e non afferma come suppone il Nostro significa farsi male da soli. Lo dico come firma di Europa, Il manifesto e Red Tv (tanto per limitarmi alla cose politiche di cui mi occupo, visto che potrei anche citare le cose che faccio per La Stampa, Panorama, Radio Rai, TG Uno, Tg Tre, Radio 24): ed è solo per dire che se le cose non si conoscono, è meglio non affrontarle. Poi, e perché no, si è così poi più liberi di scrivere di tracchiulelle e pizza e monestra, facendoci così pure una bella figura.

    In bocca al lupo
    Filippo Di Giacomo

  2. Giuseppe Reale ha detto:

    Gentile Filippo di Giacomo, mi scuso per aver commesso alcuni errori di distrazione nell’articolo, che purtroppo ho dovuto scrivere di fretta sul treno.
    Una frase è logicamente incorretta, e l’ho sottolineato in un commento del blog, scusandomi con i lettori e assicurando una istantanea correzione.
    La de Monticelli si chiama Roberta, e non Paola, va bene. Chiedo venia per aver commesso un errore anagrafico. Sebbene non mi sembri di aver travisato il pensiero della filosofa (cosa che sarebbe stata maggiormente grave).
    Ammetto di essermi ispirato e di aver citato autori (d’Arcais, la de Monticelli e Mancuso) per la scrittura dell’articolo, ma non mi sembra un reato, anche perchè non li ho plagiati, ma citati.
    Nell’articolo ho tentato di unificare (a mio parere in modo logico e non forzato, ma ognuno è libero di dissentire) i pensieri miei, di un ateo, di una cattolica e di un teologo,
    Tutte queste informazioni le ho ricavate da Micromega, Almanacco di Filosofia, “Dio, nichilismo, democrazia” di novembre. Su questa rivista bimestrale, mi sembra che d’Arcais abbia avviato un bel dibattito riguardo ai fondamenti dell’etica e della democrazia.
    L’articolo di d’Arcais che ho citato è “Etica dell’ateismo” (pag. 3).
    Per quanto riguarda il dibattito sulla libertà di coscienza e sull’autodeterminazione, sono partito dal dibattito nato sulle pagine del Foglio (2 ottobre 2008) per opera di Roberta de Monticelli che ha scritto un infuocato articolo riguardo al caso di Eluana Englaro, in cui, tra l’altro, decide di dare il proprio “addio” alla Chiesa cattolica.
    A questa abiura ha risposto l’arcivescovo di Firenze, Betori (non Bertori, e mi scuso per un altro errore di distrazione, solo anagrafico però). Sull’Avvenire (3 ottobre 2008), il monsignore ha ribadito infatti che libertà di coscienza e autodeterminazione non sono legate tra di loro.
    Sulle pagine del Corriere (6 ottobre 2008), il teologo Vito Mancuso ha inoltre dato ragione alla de Monticelli per quanto riguarda la comiplicazione logica di autodeterminazione e di libertà di coscienza, come ho scritto nell’articolo.
    Certo, non ho descritto il fatto di cronaca, ma ho portato queste idee come se facessero parte di un dibattito interno all’articolo.
    Se questo è per lei un crimine, io continuo a non sentirmi colpevole.
    Per quanto riguarda la discussione sulla democrazia e sul “nichilismo” della Chiesa cattolica, ho riportato i pensieri espessi da Roberta de Monticelli durante un’intervista di Emilio Carnevali, del 10 ottobre, disponibile su micromega.net o sul suddetto numero di Micromega (pag. 176).
    Detto tutto ciò, ribadisco le mie scuse per questi errori di distrazione.
    Ma ribadisco anche la mia piena solidarietà con quanto detto da d’Arcais, dalla de Monticelli e da Mancuso.

    Ora, riconosciuta la fretta con cui ho scritto l’articolo, chiesto scusa per gli errori che vi compaiono, riconosciuto (come già ammesso nell’articolo!) di aver citato diversi autori vorrei dire due cose io.

    Uno: ogni articolo è prettamente personale e non sostengo che qualcuno debba per forza condividere le mie idee o le idee di altre persone che io tuttavia appoggio. Ci mancherebbe altro.
    Ma, da qui a dire che queste siano sciocchezze o sconcezze, ce ne vuole. Tuttavia, caro Di Giacomo, è una sua opinione, e la rispetto.

    Due: i vescovi sono tutti considerati “vicari di Cristo”: per cui mi sembra plausibile che monsignor Betori esprima un pensiero riconducibile alla chiesa Cattolica. A maggior ragione se questo pensiero viene pubblicato sull’organo di stampa della CEI.

    Infine, caro Di Giacomo, così come io rispetto le idee di chi non è d’accordo con me, la invito a fare altrettanto e ad evitare di sdottoreggiare sputando sentenze e riempiendo tre delle tredici righe (quasi un quarto!) del suo commento di informazioni che secondo lei possono dar forza alle sue opinioni, ma che per me potrebbero anche essere omesse, in quanto rispetterei le idee anche di chi non è un abile e noto giornalista come lei. Così importante da preoccuparsi di un giornaletto da due lire di un partituccio molisano.

    Se poi ritiene che chi non collabora con le testate nazionali ed è molisano sia un bifolco da sagra paesana, questa è pura presunzione e, a pensarci, non meritava nemmeno una risposta un commento così offensivo.

    La ringrazio comunque per l’attenzione e mi auguro che pizza e minestra o le tracchiulelle non le vadano mai di traverso.

    Ora torno alla mia capanna e alle mie pecore.
    Augh.

  3. […] Di Giacomo Dice: Novembre 21, 2008 alle 5:23 pm Ciao. Uso la maschera della mail del numero scorso per parlarvi dell’articolo di Giuseppe Reale […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...